Tutor DSA-ADHD
Dott.ssa Annalisa Ventimiglia

Annalisa-Ventimiglia

La Dr.ssa Annalisa Ventimiglia consegue la Laurea Specialistica in Scienze Pedagogiche nel novembre del 2012 e il Diploma di Specializzazione in Pedagogia Clinica nel 2017. Durante la sua formazione Universitaria acquisisce ottime competenze comunicative che diventano un suo punto di forza nell’instaurare “relazioni significative” in campo lavorativo. Durante i tirocini formativi ha la possibilità di entrare in relazione come educatrice con bambini di fasce d’età diverse e di sperimentare l’importanza di costruire relazioni significative, ascoltando i loro bisogni e le loro esigenze.

Interessata dalla tematica relativa ai Disturbi Specifici dell’Apprendimento, decide di iscriversi al 4°Corso di formazione per Tutor DSA tenuto dal Centro per l’Età Evolutiva di Bergamo che le permette di approfondire la tematica e di cominciare ad acquisire gli strumenti necessari per formarsi come Tutor.
Tra le competenze risalta la capacità di aiutare ragazzi che richiedono aiuto nell’organizzazione e svolgimento dei compiti con la possibilità di costruire con loro un percorso di crescita attraverso la presa di coscienza dei loro punti di forza applicando la conoscenza di diverse strategie che possono portare ad un apprendimento scolastico efficace.

Ritenendo fondamentale in questo tipo di lavoro una formazione continua che le permetta di riflettere sulla propria figura professionale e di approfondire una tematica così ricca e complessa, partecipa a numerosi incontri su argomenti più specifici come riconoscere e affrontare la discalculia, DSA e apprendimento delle lingue straniere, comprensione del testo e corsi pratici sugli strumenti compensativi.

Da qualche anno collabora con la Dr.ssa Dorella Minelli presso il Centro Italiano di Logopedia come Homework Tutor e Pedagogista del Servizio Metodo di Studio.
L’aspetto relazionale assume una forte importanza nel suo principio lavorativo con i ragazzi. Convinta che, per poter costruire insieme al ragazzo un percorso di crescita verso l’autonomia, dove lui assuma l’atteggiamento di protagonista, sia fondamentale instaurare una relazione significativa, intesa come relazione di fiducia reciproca, di ascolto attivo che non coinvolga solo il ragazzo, ma anche il suo contesto familiare.

contatti