Prerequisiti alla letto-scrittura: perché è importante potenziarli dopo il Covid-19?

teacher-setting-example_23-2147885333

Perché è importante in questo periodo parlare di potenziamento dei prerequisiti alla letto-scrittura?
La fase Covid 1 e 2 con la chiusura anticipata delle scuole materne non ha permesso la stimolazione dei prerequisiti alla letto-scrittura, attività che vengono svolte soprattutto negli ultimi mesi del 3° anno della scuola materna. Per cui è probabile che i bambini di questa età non siano effettivamente pronti ad accedere alla scuola primaria.

Che cosa sono i prerequisiti alla letto-scrittura?
Gli studi ci dicono che già in età prescolare i bambini cominciano a sviluppare delle conoscenze più o meno raffinate riguardo alla lingua scritta, in particolare sviuppano quelli che sono i prerequisiti alla letto-scrittura, cioè un insieme di abilità cognitive strettamente correlate all’attenzione, alla motivazione e agli aspetti motori che permettono ad un bambino di evolvere poi verso un apprendimento formale della lettura, della scrittura e del calcolo.

Cosa deve saper fare un bambino prima di imparare a leggere e a scrivere?
Il bambino deve avere ben sviluppata la competenza meta fonologica che gli permette di percepire a livello uditivo una parola nelle sue componenti più elementari che sono i suoni e le sillabe. Questa abilità gli permette a scuola di imparare ad apprendere proprio la lettura e la scrittura, perchè per leggere e scrivere le parole deve manipolare i suoni che le compongono. Per esempio un bambino deve saper dire che la parola /casa/ è costituita da /c/ /a/ /s/ /a/ (suoni detti distintamente-capacità di sintesi fonemica) oppure al contrario deve saper dire che /c/ /a/ /s/ /a/ corrisponda alla parola /casa/ (parola detta per intero- capacità di fusione fonemica). Oppure deve saper dire che la parola /casa/ è formata da /ca/ /sa/ (capacità di sintesi sillabica) e che /ca/ /sa/ corrispone alla parola /casa/ (capacità di fusione sillabica).

Altro prerequisito è la discriminazione visiva il bambino anche in questo caso deve sapere manipolare mentalmente le immagini sapendole discriminare nella loro forma , nella loro posizione e orientamento nello spazio. Questo perchè ogni lettera e ogni numero, che il bambino imparerà a scrivere a scuola, ha una forma unica. Molte lettere e numeri hanno aspetti simili – come B, P e R, per esempio, o 6 e 9 o 1 e 7. Una buona capacità di discriminazione visiva è necessaria per essere in grado di distinguere le differenze fra lettere, numeri e parole.

Un altro ruolo importante dei prerequisiti è la memoria fonologica a breve termine, quella capacità che permette al bambino di tenere proprio nella memoria i suoni/sillabe. La memoria fonologica svolge un ruolo importantissimo nell’acquisizione della scrittura. Il bambino deve ricordarsi che un determinato segno grafico corrisponde ad una lettera (se vede scritto A il bambino deve recuperare nella sua memoria che quel grafema corrisponde ad un suono che è proprio /a/). Inoltre svolge un ruolo fondamentale nell’imparare a leggere le parole (la memoria in questo caso favorisce la fusione sillabica, perchè per leggere una parola devo unire le sillabe, ma per unirle devo ricordarmi la sillaba letta in precedenza).

Anche la coordinazione oculo-manuale non è da sotttovalutare, perchè permette al bambino di coordinare il movimento dell’occhio con quello della mano quando scrive. Questa abilità favorisce il bambino a mettere in atto una buona impugnatura della penna con una grafia leggibile e fluida.